Accessibilità

Sezioni

Sei in Home page > Eventi > Rom e Sinti in Italia e la memoria rimossa. Da Bologna viaggio nei luoghi simbolo dell’antiziganismo

Rom e Sinti in Italia e la memoria rimossa. Da Bologna viaggio nei luoghi simbolo dell’antiziganismo

Rom e Sinti in Italia e la memoria rimossa. Da Bologna viaggio nei luoghi simbolo dell’antiziganismo
La commemorazione a Prignano il 20 maggio alle 9.30

Il 19 maggio parte da Bologna l'evento 'Rom e Sinti in Italia e la memoria rimossa. Viaggio nei luoghi simbolo dell´antiziganismo', organizzato dall'Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali e Formez P.A.

Un viaggio studio, dal 19 al 21 maggio, per promuovere la riflessione sull'antiziganismo in Italia e una maggiore consapevolezza su storia, identita' e memoria. Un'esperienza nella quale, attraverso il racconto della persecuzione e deportazione di Rom e Sinti, la visita di uno dei campi di concentramento simbolo in Emilia Romagna e le molte testimonianze di chi ha vissuto questa storia di persecuzione e dolore, sara' possibile conoscere meglio questo popolo.

Sono oltre 10 milioni i Rom e i Sinti che da secoli vivono in Europa. La trasversalita' del fenomeno della discriminazione e del pregiudizio investe tutti gli ambiti della vita quotidiana: dal diritto all’abitare, al diritto allo studio, all’accesso al mondo del lavoro, al welfare. L’antiziganismo, ancora molto diffuso, aggrava spesso la loro situazione economica e sociale.

Si parte quindi da Bologna, dove nel 1422 c'e' stata la prima presenza Rom in Italia, per giungere il 20 maggio a Prignano sulla Secchia, teatro di deportazioni durante il fascismo, e poi a Fossoli per visitare il campo di concentramento. Il viaggio si concludera' nella sala Conferenze dello spazio Coworking a Bologna, dove si affrontera' il tema dell´antiziganismo attraverso un confronto tra passato e presente.

Il programma completo dell'evento